Logopedia a Torino e Volvera

Lisa Poli Tel.3934327291

 

CHI E’ IL LOGOPEDISTA?

Il Logopedista è un Professionista Sanitario che, a seguito di un percorso formativo universitario, acquisisce le competenze necessarie ad occuparsi della prevenzione, della valutazione e del trattamento riabilitativo delle patologie del linguaggio e della comunicazione e della deglutizione in età evolutiva, adulta e geriatrica. Il Logopedista si occupa: 

  • del bilancio e quindi della valutazione delle capacità comunicative (da non confondersi con la diagnosi medica);
  • della stesura di un piano di trattamento con obiettivi e tempistiche specifici per il singolo paziente, sulla base quanto emerso dalla valutazione;
  • del trattamento riabilitativo;
  • della verifica continua dell’intervento. 

Attua il suo intervento all’interno di un progetto condiviso con una equipe multiprofessionale (psicologi, TNPEE, fisioterapisti, dentisti, foniatri).

 

L’utilizzo del termine “comunicazione” fa immediatamente comprendere quanto possa essere vasta la gamma di contesti e situazioni relazionali con cui il logopedista possa trovarsi ad operare. Perseguire la salute della persona e farne emergere le abilità comunicative, attraverso canali diversi, diviene anche un viaggio a volte lungo e “avventuroso” alla scoperta dell’identità della persona; ciò richiede la presenza di un’equipe professionale preparata per accompagnare sia il bambino che l’adulto in questo percorso.

Ridurre od eliminare il disagio prodotto in ambito relazionale da disturbi dell’articolazione verbale, della voce, di tipo linguistico e comunicativo in generale, significa puntare al miglioramento della qualità di vita della persona e presso il Centro Merry Poppins questo importante obiettivo viene perseguito da tutte le figure che formano l’equipe (psicologhe, logopediste, psicomotriciste, educatori, e terapiste della neuro e psicomotricità).

All’interno del Centro inoltre, la Logopedista si occupa non solo dei disturbi comunicativi, ma anche di quelli che vengono definiti disturbi dell’apprendimento in bambini, ragazzi e sempre più spesso anche negliadulti, in un rapporto basato sulla fiducia ed il rispetto ed in un’ottica allargata alla situazione sociale, culturale, relazionale ed emotiva della persona coinvolta.

Tutto ciò può attuarsi grazie alla collaborazione con le altre figure dell’equipe e grazie all’impegno a mantenere una formazione ed un aggiornamento costanti. Con specifiche metodologie di tipo metacognitivo e basate sugli studi della neuropsicologa Letizia Sabbadini e della Logopedista Vittoria Rinaldi, si affrontano i disturbi della lettura, della scrittura ed dell’ambito logico-matematico.

La Logopedista si occupa infine della gestione dei disturbi della deglutizione in età evolutiva, adulta e geriatrica con particolare attenzione per l’educazione della bocca nel bambino e per la funzione edonisticadell’alimentazione. La bocca è considerata infatti come un potente strumento cognitivo, che serve per l’esplorazione e nell’interazione con l’ambiente, nel gioco e per la partecipazione alla vita sociale ed alla piacevolezza legata al nutrimento.

 

DI CHE COSA SI OCCUPA IL LOGOPEDISTA?

  • Disturbi specifici di linguaggio (DSL): difficoltà nella produzione e/o comprensione del linguaggio in assenza di ritardo cognitivo o di altre patologie primarie in età evolutiva.
  • Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA): comprende la dislessia (dificoltà nella lettura), discalculia (difficoltà nelle abilità matematiche), disortografia (difficoltà nella scrittura), disgrafia (difficoltà nella riproduzione del tratto grafico).
  • Deglutizione deviante: mancato passaggio da una deglutizione di tipo infantile ad una deglutizione di tipo adulto. Si associa spesso a problematiche di tipo odontoiatrico.
  • Dislalia: difetti di pronuncia come il sigmatismo (/s/), lo zetacismo (/z/), rotacismo (/r/). Si associa spesso alla degutizione deviate.
  • Balbuzie: alterazione della fluenza verbale che si manifesta con ripetizioni di sillabe, blocchi e/o pause tese durante la produzione.
  • Afasia: disturbo comunicativo-linguistico acquisito in seguito a lesione cerebrale.
  • Disfonia: alterazione della voce (bassa, rauca, debole, instabile o la persona è afona).
  • Disartria: difficoltà nell’articolare le parole dovute a patologie neuromotorie.
  • Disfagia: difficoltà nella deglutizione e/o dell’alimentazione causate da interventi chirurgici al cavo oro-faingeo-laringeo o da parologie neurologiche e degenerative.
  • Difficoltà di comunicazione e di linguaggio, di origine genetica (ades. Sindrome di Down), acquisite in età evolutiva (ad es. meningoencefaliti neonatali, prenatali, etc) o demenziali (ad es.Alzheimer).
  • Difficoltà di comunicazione e di linguaggio nelle persone con Sordità.
  • Difficoltà di comunicazione e di linguaggio nei bambini con Disturbo Pervasivo dello Sviluppo (Autismo)

La nostra missione

Se c'è qualcosa che vorremmo cambiare in un bambino prima dovremmo esaminarla e vedere se non è qualcosa che faremmo meglio a cambiare in noi stessi.

Carl Gustav Jung

Solo con lo studio del patologico si arriva a comprendere il normale.

Sigmund Freud

Il compito di Merry Poppins è la promozione (per bambini e adulti) del benessere nella relazione con se stessi, con gli altri e con l’ambiente attraverso la comunicazione, il gioco e la parola; individuare nella difficoltà di relazione e di apprendimento le potenzialità che permettono di superarle è il suo scopo e l’ascolto del disagio il suo strumento per fare della disabilità e del disagio una risorsa invece che un limite.